z

archivio post della categoria 'downloads'

Una soluzione per l’emergenza rifiuti in Campania:

venerdì, aprile 30th, 2010

Una soluzione per l’emergemza gli impianti di compostaggio in Campania:

 gli impianti per il trattamento della frazione organica.

Scopo di questa breve relazione è dimostrare come, nonostante da più parti si sia portati a

ritenere che la drammatica emergenza rifiuti campana sia ormai terminata, ancora oggi in questa 

regione, nel mentre si concentrano enormi risorse ed energie per realizzare, con grosse difficoltà e 

al prezzo di un ulteriore inquinamento dell’ambiente, l’ultimo anello dell’impiantistica al servizio 

della filiera di gestione dei rifiuti (quello dell’incenerimento), manchi invece il primo fondamentale 

anello di tale impiantistica, necessario al recupero e alla valorizzazione, anche a fini agronomici, 

della frazione organica. Manca cioè, perché “sabotata” o volutamente “non realizzata”, 

quell’impiantistica, dalla tecnologia non molto complessa e dai costi abbastanza contenuti, che si 

sarebbe potuta realizzare in pochissimi mesi e che avrebbe consentito di evitare, sorretta anche solo 

da una semplice separazione secco-umido dei rifiuti, quel disastro dalle proporzioni bibliche che la 

popolazione campana ha dovuto subire in particolare tra la fine del 2007 e i primi mesi del 2008. 

Ancora oggi, quindi, la sfida è quella di trasformare con poche risorse e in tempi relativamente 

brevi il “problema” rifiuti in “risorsa” per uno dei territori più fertili e devastati d’Italia e forse 

d’Europa. 

Linee di Piano per la gestione dei rifiuti 2010-2013

venerdì, aprile 30th, 2010

del. 75.2010

Regione Campania

Come detto in precedenza la Regione Campania sta valutando, ove tecnicamente possibile ed ambientalmente compatibile, il conferimento a utenze terze, con particolare riferimento ai cementifici, ma anche, ad es., a centrali termoelettriche, del combustibile

derivato dai rifiuti urbani (CDR) al fine di ottimizzare l’impiego di combustibile in impianti già esistenti prima di prevedere l’attivazione di nuovi impianti dedicati. Il recupero energetico della frazione secca nei forni delle cementerie comporta quale ulteriore vantaggio, rispetto alle altre tecniche, una riduzione dei quantitativi di rifiuti conferiti in discarica, in quanto le ceneri di combustione prodotte all’interno del forno del cementificio hanno proprietà chimico-fisiche tali da potere essere inglobate nel prodotto finito. Al contrario le ceneri decadenti dalla combustione della frazione secca all’interno di un impianto dedicato (inceneritore) devono essere conferite ad impianti idonei per il successivo smaltimento in quanto rifiuto il piu’ delle volte pericoloso.

alternative agli inceneritori

domenica, gennaio 6th, 2008

Beppe Grillo propone sul suo blog alternative agli inceneritori.

Scarica il file: le_alternative_agli_inceneritori.pdf

ERRC: Emergenza Rifiuti Regione Campania!

sabato, gennaio 5th, 2008

L’emergenza rifiuti in Campania dura da 14 anni e quindi emergenza non è!
ERRC: Emergenza Rifiuti Regione Campania non è la definizione più appropriata per la situazione rifiuti in Campania che ormai è un problema ordinario!
Lo prova il fatto che Emergenza Rifiuti Regione Campania è diventata una voce dell’enciclopedia virtuale wikipedia!!!!
Wikiperdia inizia con questa breve descrizione:
“L’emergenza rifiuti in Campania è una situazione che si ripropone periodicamente a partire dal 1994. In queste occasioni, e per alcune settimane, i rifiuti solidi urbani non sono raccolti perché le aree di sversamento sono sature, poste sotto sequestro dalla magistratura perché fuorilegge o bloccate da manifestanti che vivono nei loro paraggi. Il risultato è la presenza per le strade della regione, soprattutto di Napoli e del suo hinterland, di cumuli disordinati e malsani di rifiuti che creano gravi rischi igienico sanitari per le popolazioni. Quando, come purtroppo spesso accade, i rifiuti sono dati alle fiamme dai cittadini esasperati, si verificano emissioni di diossina e casi di intossicazione. Le discariche abusive e gli incendi di rifiuti, soprattutto nelle campagne del casertano, stanno creando grossi problemi per quel che concerne la salubrità delle produzioni agroalimentari”.

Per leggerne la cronistoria, i ruoli e le statistiche vai su
wikipedia

Il dossier di Legambiente “8 mosse per il clima”

domenica, dicembre 9th, 2007

Legambiente a Bali. 8 mosse per il clima
In occasione della conferenza di Bali delle Nazioni Unite Legambiente presenta il dossier “8 mosse per il clima”, le scelte indispensabili per fermare i cambiamenti climatici

(altro…)

Disciplinari lotta fitopatologica integrata Regione Campania

domenica, dicembre 9th, 2007

é possibile scaricare i Disciplinari di lotta fitopatologica integrata per la Regione Campania.
Nelle pagine del sito disciplinari.it, potrete “navigare” nei disciplinari di produzione integrata previsti dai Regolamenti Comunitari (1257/99, OCM…)
Disciplinari.it non si limita a raccogliere i prospetti regionali contenenti le tecniche produttive da adottare per effettuare la difesa fitosanitaria nel pieno rispetto delle norme, ma è in grado di fornire, in tempo reale, dati sulle sostanze attive autorizzate e sui formulati commerciali, oltre alle eventuali limitazioni d’uso. Informazioni, queste, di grande utilità per i tecnici e gli operatori del settore.

Fonte: disciplinari.it

Piano di Consulenza all’Irrigazione

martedì, novembre 20th, 2007

L’Assessorato all’Agricoltura e alle Attività Produttive della Regione Campania è da tempo impegnato in iniziative finalizzate ad ottimizzare la gestione dei mezzi tecnici utilizzati dalle aziende agricole allo scopo di migliorarne l’efficienza economica, nel rispetto dell’ambiente e della salubrità dei prodotti agroalimentari.
In tale ottica, è stato predisposto il Piano Regionale di Consulenza all’Irrigazione (PRCI) il cui obiettivo è la gestione razionale ed efficiente della risorsa idrica nelle aziende agricole. Per la stagione irrigua 2007 il servizio, gratuito (previa adesione) è in grado di fornire, via SMS o MMS, indicazioni sui volumi irrigui e la durata dell’irrigazione a livello parcellare, e sarà attivo nella Piana del Sele e del Volturno.
Gli imprenditori agricoli che desiderano aderire ai servizi offerti dal Piano Regionale di Consulenza all’Irrigazione potranno acquisire tutte le necessarie informazioni presso:
i Consorzi di Bonifica della Piana del Sele (Destra Sele e Paestum) e della Piana del Volturno (Volturno)
la sede provinciale del Settore decentrato (STAPA-CePICA) di Salerno e di Caserta e le rispettive sedi periferiche (Centri di Sviluppo Agricolo – CeSA) dell’Assessorato all’Agricoltura e alle Attività Produttive della Regione Campania.

scarica la scheda ed il modulo di adesione al link della regiona campania: regione campania_PRCI